Haec signa manent 2015

Haec signa manent 2015

…un’identità perduta (vedi le teste staccate dal collo e spesso sostenute dalle mani) che ho voluto “ricucire in un altrove… e nel gesto reale del ricucire in uno spazio-tempo-altro.

l’identità perduta… occhi spaventati, cuori strappati… riassemblati inno scorcio teatrale, dove la citazione, sicuramente esoterica, dell’uomo aY presa a prestito da Bosch nel giardino delle delizie… sostiene tra le gambe, non il grande frutto rosso, ma due maschere…che mistificano la falsa identità “ricucita”…

Matarese.

Haec signa manent

00

Lascia un tuo commento, grazie!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>